News

Tutte le novità del mondo Asta

Detrazioni fiscali

L’anno giusto per rinnovare casa

Con la Legge di Bilancio 2018 tutti i bonus casa, incluso il bonus mobili, sono stati prorogati per un altro anno. Anche per i lavori in casa effettuati tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2018, sarà quindi possibile beneficiare della detrazione Irpef.
Per il bonus mobili, tale detrazione è pari al 50% delle spese sostenute entro il limite di 10.000 euro.

A cosa si applica?

Ne potranno beneficiare i contribuenti che effettuano lavori di ristrutturazione e che acquistano mobili o grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni).

La detrazione spetta per mobili nuovi come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione.

Nei grandi elettrodomestici rientrano invece frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Tra le spese da portare in detrazione si possono includere quelle di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

Come ottenerla?

Per ottenere il bonus è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni. Non è fondamentale, invece, che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

La detrazione dovrà essere richiesta in dichiarazione dei redditi e verrà ripartita in dieci rate di pari importo.

Per avere la detrazione sugli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. I documenti da conservare sono:

  • ricevuta del bonifico
  • ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito)
  • documentazione di addebito sul conto corrente
  • fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti

Visita uno dei nostri sette punti vendita in Piemonte e Liguria per osservare e toccare con mano l’Alta Qualità dei nostri arredi. I nostri esperti arredatori ti accoglieranno per consigliarti la soluzione più adatta alle tue esigenze.